Il presente sito utilizza solo cookie tecnici per i quali non è richiesto il preventivo consenso degli utenti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.

  • img1
  • img10
  • top MWS
  • img8
  • img2
  • img4
  • img3
  • img6
  • img9
  • img7
  • img5

Comunicato ai soci

Cari Soci

recentemente la Prefettura di Torino su istanza del MIPAAF ha respinto  il nuovo Statuto ANFI chiedendo la modifica di complessive 4 righe su  oltre 30 pagine tra Statuto e Regolamento (allegato il testo). Ora è chiaro che ad aprile l'Assemblea avrà una parte straordinaria con queste modifiche e una parte ordinaria con l'approvazione del Bilancio e quant'altro necessario al corretto funzionamento dell'Associazione. Il ritardo di questa comunicazione è dovuto solo al fatto che abbiamo chiesto lumi a dei legali non potendo farlo con il Presidente dell'Assemblea in quanto parte in causa riconoscendoli una terzietà assolutamente dovuta.

Solo oggi abbiamo avuto la possibilità di avere tutte le risposte inerenti l'Assemblea del 6 dicembre.

Innanzitutto va sottolineato che è stata l'Assemblea a derogare su un punto dello Statuto e due punti del Regolamento che riguardano la durata del mandato recependo quanto previsto nelle norme transitorie

Se avrete la pazienza di leggere il punto 2 del verbale parte ordinaria sarà chiaro cosa si intende. Premesso questo è ovvio che le Sezioni che scadevano nell'anno 2017 come ad esempio il Friuli Venezia Giulia rinnoveranno tutte le cariche come sarebbe accaduto normalmente. Altre Sezioni che hanno comunque provveduto a rinnovare gli organi regionali non applicando la deroga non avranno la necessità di tornare in Assemblea. Quelle che applicando quanto votato ALL'UNANIMITA' dall'Assemblea hanno deregolato la durata del mandato dovranno a questo punto andare al voto entro il 28 di febbraio.

Per quanto riguarda invece gli organi nazionali essi dovranno essere rinnovati, se i legali ci daranno il loro parere in tal senso, esattamente a tre anni data dalla loro elezione.

Ringrazio per l'attenzione e vi saluto caramente

Il Presidente Nazionale
Dario Domancich

 

pdfverbale-prefettura.pdf

 

Comunicazione ai soci

Cari Soci

Siamo a comunicarVi che il TAR del Lazio, con sentenze del 5 settembre 2016 n. 9536 e 9537 ha accolto le domande di ANFI e ha annullato sia la sentenza n. 5134/2014 dello stesso TAR che censurava e annullava la nota Ministeriale con la quale in prima istanza era stato negato all’AFeF il Libro Genealogico sia il Decreto prot. 29253 17/12/2014 di assegnazione del LG ad AFeF e in via derivata il decreto 14155 del 9 luglio 2015 di approvazione delle Norme Tecniche AFeF.

Il Decreto n. 5134 è stato annullato poiché ANFI non è stata chiamata come controinteressata pur essendo parte necessaria del giudizio; ne consegue anche che, in caso di ulteriori richieste, ANFI dovrà essere informata e riconosciuta la sua possibilità di fornire il proprio supporto istruttorio. Inoltre poiché esistono già le NT ANFI esse non possono essere poste nel nulla e contraddette da altre successive soprattutto in termini di selezione, ovvero di registrazione e quant’altro connesso a un’attività di emissione di Certificazione ufficiale.

Cosa cambia dopo queste sentenze?
Dato che un Tribunale della Repubblica ha espressamente annullato i Decreti di riconoscimento ed autorizzazione AFeF, questi non hanno più validità giuridica ed efficacia e, quindi, non esiste più il Libro Genealogico AFeF e le relative Norme Tecniche così come dai Decreti riconosciuti ed autorizzati in base alla normativa di riferimento. Ne consegue che ad oggi l’AFeF non può più emettere Certificati Genealogici e quant’altro collegato alla gestione di un Libro autorizzato.

Ciò premesso vi sono dei passaggi importanti nella sentenza con la quale il TAR ha accolto le nostre istanze di annullamento dei Decreti di autorizzazione alla gestione del Libro e relative Norme Tecniche che pare utile specificatamente richiamare:

1) È stato accolto il principio che ANFI era legittimata e interessata al ricorso in quanto fino al 2014 era l’unica a detenere un Libro Genealogico. ANFI quindi, argomenta il TAR “era ed è titolare di un interesse personale, attuale e concreto nonché giuridicamente rilevante al mantenimento della situazione precedente, in cui essa era l’unica a gestire il Libro Genealogico dei gatti, e dunque a contestare l’analoga autorizzazione rilasciata ad AFeF”.

2) È stato accolto l’importante principio che non esiste la distinzione tra “gatti di razza” e “gatti di razza pregiata” come asserito da AFeF e questo fa chiarezza sul fatto che i Libri si occupano della stessa specie ovvero “tutte le razze domestiche” di gatto come, peraltro si evince dal sito del MIPAAF

3) È stato accolto il principio che ANFI come controinteressata doveva essere anche interessata al processo autorizzativo e il TAR ha anche sentenziato che tale esclusione non poteva essere conseguenza di un iter di particolare celerità da parte del MIPAAF, lo stesso TAR commenta che “dette esigenze (di celerità) invero non si ravvedono in relazione alla procedura del procedimento e degli interessi tutelati, né l’omissione può essere una violazione ……..”

4) Il TAR ha accolto anche la tesi che l’uso di diversi sistemi di registrazione sia da pesare bene in quanto esplicitamente enuncia che “non possono non ritenersi fondate anche le preoccupazioni di confusioni e sovrapposizioni nelle certificazioni rilasciate dalle due associazioni di cui al sesto motivo di ricorso, e dunque la necessità di prevedere strumenti o meccanismi per porvi rimedio

5) il TAR ha anche sottolineato che è possibile la coesistenza di più Libri, ma tale coesistenza e, quindi il relativo riconoscimento, va concesso solo a quelle Associazioni che abbiano i requisiti “purché esse non mettano in pericolo la conservazione della razza o compromettano il programma zootecnico di un’associazione esistente. Solo in questi casi, oltre che per l’ipotesi di assenza dei requisiti, il riconoscimento debba essere negato.

Per chi fosse interessato a leggere integralmente i testi delle sentenze le alleghiamo qui di seguito o se ritenete opportuno potete anche scaricarle dal sito ufficiale www.giustizia-amministrativa.it

Il Presidente ANFI

pdfSENTENZA 09536/2016

pdfSENTENZA 09537/2016

Comunicato AGI - ANFI

Torino-Lugo (RA), lì 29.12.2015


Cari Soci e Simpatizzanti,


gli scriventi Sig. Dario Domancich - Presidente ANFI - e Sig.ra Carmen Padovani - Presidente AGI - hanno il piacere di comunicare, in via ufficiale, che le due Associazioni, con il pieno appoggio dei rispettivi Consigli Direttivi, hanno siglato un Protocollo d’Intesa volto a dare esecuzione ad un progetto che consenta nei prossimi mesi di concludere un Accordo Interassociativo, al fine di ampliare il Libro Genealogico ANFI anche con il panorama felinotecnico WCF, circuito del quale l’AGI è uno dei Full Member in Italia.

Le attività che le nostre Associazioni si sono impegnate a svolgere ai sensi del predetto Protocollo d’Intesa prevedono un fattivo lavoro di concertazione delle Norme Tecniche e Standard di Razza dei due circuiti: FIFe e WCF, che avrà come finalità principale la tutela del benessere animale nel campo allevatoriale e la libertà di associazione degli Allevatori dei Gatti di Razza Italiani, nel rispetto della normativa vigente.

Dopo anni di continue divisioni e scissioni, pensiamo sia venuto il tempo di ripartire dai punti che accomunano le finalità della Associazioni Feline, il benessere e la tutela del gatto, sulla base del Libro Genealogico ANFI che già ha un consistente patrimonio felinotecnico da unire al patrimonio felinotecnico AGI / WCF.

Da ultimo, teniamo a precisare che sia ANFI che AGI continueranno a godere della la loro piena autonomia associativa all’interno dei circuiti internazionali di riferimento e l’Accordo Interassociativo riguarderà la parte del Libro Genealogico ANFI concesso alla stessa dal MIPAAF.

Certi di avere posto il primo tassello, che permetterà di riunire il panorama felinotecnico Italiano, con l’occasione porgiamo i migliori Auguri di Buone Feste.

Il Presidente ANFI                                                    Il Presidente AGI – Ass. Gatti D’Italia
Dario Domancich                                                      Carmen Padovani

 

VISUALIZZA IL DOCUMENTO FIRMATO 

Decreto Ministeriale n. 29634 del 21 settembre 2010

 

decreto ministeriale picc

VISUALIZZA IL DECRETO MINISTERIALE N. 29634  DEL 21 SETTEBRE 2010: decreto ministeriale n20634

VISUALIZZA IL DECRETO MINISTERIALE N. 12953 DEL 13 OTTOBRE 2008:  decreto_ministeriale_n12953

VISUALIZZA IL DECRETO MINISTERIALE  N. 22790 DEL 9 GIUGNO 2005: decreto_ministeriale_n22790

VISUALIZZA IL DECRETO MINISTERIALE N. 207 DEL 06 AGOSTO 1997: decreto ministeriale n207

 

CONSULTA LA LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO:

LEGGE 15 gennaio 1991 n. 30 LEGGE 15 gennaio 1991 n30
DIRETTIVA CEE n. 174 del 25 marzo 1991 Direttiva 91-174-CEE
DECRETO LEGISLATIVO del 30 DICEMBRE 1992 n. 529 DECRETO LEGISLATIVO 30 DICEMBRE 1992 n529
MIPAAF - DECRETO MINISTERIALE 26 luglio 1994 MIPAAF - DECRETO MINISTERIALE 6 luglio 1994


PER CONSULTARE IL DISCIPLINARE E LE NORME TECNICHE VISITA LA CORRISPONDENTE SEZIONE DEL LIBRO GENEALOGICO:

DISCIPLINARE

NORME TECNICHE

GRUPPI ANFI SU FACEBOOK

La nostra Associazione è presente su Facebook con tre gruppi Ufficiali.

  • Uno è riservato ai Soci in regola con il pagamento della quota associativa ed è raggiungibile all'indirizzo:

https://www.facebook.com/groups/386369571461516/

Per farvi parte è necessario cliccare su “Iscriviti al gruppo” e inviare a uno dei moderatori addetti all'esame delle richieste (Susan Rawlins e Sayuri Takano) i seguenti dati tramite messaggio privato:

  • Nome
  • Cognome
  • Regione di residenza
  • N° Tessera ANFI
  • Riferimento facebook, in caso di account facebook non coincidente con il nome e il cognome del richiedente

La scelta di fare un gruppo chiuso, accessibile ai soli soci ANFI, è derivata dalla volontà di dare una risposta il più istituzionale, informata e veloce possibile alle esigenze specifiche degli allevatori, ma qualsiasi Socio, anche se proprietario di un gatto di casa o di nessun gatto, avrà pari dignità di frequentare il gruppo e intervenire nelle discussioni.
Il gruppo è moderato e ciò significa - tra l’altro - che i moderatori si riservano di intervenire nei casi in cui nelle discussioni dovessero essere ravvisati toni eccessivamente polemici o aggressivi ovvero se dovessero essere fornite dagli utenti informazioni scorrette sui Regolamenti interni o altri argomenti di natura associativa.

  •  Il secondo gruppo è raggiungibile tramite questo link:

https://www.facebook.com/groups/809257545799763/ ed è aperto alla lettura di tutti gli utenti di facebook ma per accedervi in scrittura è necessario registrarsi. Questo ulteriore gruppo è nato per promuovere la conoscenza dell’ANFI e delle sue iniziative presso chi non ci conosce; per dare - a chi ancora non ha familiarità con questi argomenti - informazioni sull'ANFI, sul Libro Genealogico del Gatto di Razza e su tutti gli argomenti connessi (esposizioni feline, regole di allevamento, legislazione in materia, ecc...)
Anche questo gruppo è moderato.

  •  Il terzo gruppo è raggiungibile tramite questo link:

https://www.facebook.com/groups/692807567509245 

Possono accedere come membri solo ed unicamente i soci titolari di affisso, previo l'invio di un messaggio o di una mail agli amministratori del gruppo stesso, così da associare univocamente un nominativo ad un affisso.
Anche questo gruppo è moderato.

OSSERVATORIO ITALIANO HCM FELINA

logo-hcm

L'OSSERVATORIO ITALIANO HCM FELINA intende coordinare e standardizzare la raccolta di dati clinici, genetici ed ecocardiografici in Italia con lo scopo di elaborarli e fornire, per la gestione dell’ HCM, linee guida condivise sia dai medici veterinari che dagli allevatori.

La cardiomiopatia ipertrofica (CMI o HCM) è una malattia cardiaca primitiva trasmessa geneticamente con modalità autosomica dominante ad alto grado di penetranza in rapporto con l’età.
Sia nei felini che nell’uomo l’HCM ha espressività variabile, con comparsa delle caratteristiche cliniche ed ecocardiografiche tipiche più frequentemente dopo la completa maturità sessuale.

Per queste sue caratteristiche, nonostante i miglioramenti e gli sforzi diagnostici, esistono ancora oggi importanti controversie riguardanti la sua diagnosi precoce , l’eziologia, la storia naturale ed il trattamento.

VISUALIZZA LA RELAZIONE SULLA CARDIOMIOPATIA IPERTROFICA

Bonus William Hill
Bonus Ladbrokes

L'ANFI E' UNO DEI 41 MEMBRI DELLA FIFe

fife

Legalmente riconosciuta con D.M. 6/8/1997
Autorizzata alla Gestione del Libro Genealogico del Gatto di Razza con DM 9.6.2005 prot. 22790 modificato con DM 13.10.2008 prot. 12953

IL LOI INFORMA

LA LETTERA INIZIALE PER I CUCCIOLI NATI NEL 2016 E' LA B

Premium Templates