Il presente sito utilizza solo cookie tecnici per i quali non è richiesto il preventivo consenso degli utenti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.

  • Img9
  • Img1
  • Img3
  • Img2
  • Img4
  • Img10
  • Img6
  • Img5
  • Img8
  • Img7

Verbale del Consiglio Direttivo Nazionale del 8 gennaio 2019

 

Si riunisce il CDN in videoconferenza il giorno mercoledì 8 gennaio 2019 in prima convocazione alle ore 20,30 e in seconda convocazione alle ore 21,00 ai sensi dell'art. 6 del Regolamento generale comma 1 con il seguente ODG.

1) Segreteria

a) posta in arrivo

b) approvazione modifiche Norme Tecniche Esposizioni in base alle Linee Guida MIPAAFT del 14 giugno 2018 per inoltro alla CTC.

c) previsione date dei CDN non in video conferenza

d) Ratifica CDN telefonici

2) Expo

a) relazione Referente Gruppo di Lavoro Expo

b) modifiche calendario 2019 e 2020.

c) calcolo tariffa a sezioni

d) Delegati a expo

3) Tesoreria

a) Rimborsi chilometrici

b) Comunicazioni a Sezioni per invio Bilancio consuntivo e delibera di approvazione Assemblea di Sezione

Si rammenta che si potrà discutere solo su argomenti all'ODG e che solo in presenza di tutti i Consiglieri si potrà discutere su argomenti non all'ODG.

Alle ore 21,00 sono presenti i Consiglieri, DOMANCICH Dario, IORI Edoardo, LUZI Carlo, FERRARI Mauro, KLEIN Hana, MORONI Sara, PADOVANO Nico, RIGAMONTI Emilio. SETTIMO Laura.

Constatata la presenza del numero necessario all’apertura, il Presidente dichiara la regolarità del CDN alle ore 21,07

1) Segreteria

a) posta in arrivo

I) Il socio Francesco Cinque, in qualità di Presidente della Sezione Lombardia porta a conoscenza del CDN che il WCC, organizzato e gestito molto bene dalla Sezione Lombardia a Milano (N.d.CDN), oltre che un notevole impegno in termini di lavoro offerto gratuitamente dai consiglieri e da molti soci, è però costato parecchio denaro. Invia in allegato anche le pezze giustificative di tali spese, che non allego in quanto troppo dispersive, e chiede, se possibile, che l'ANFI intervenga con un contributo in aiuto alla Sezione stessa. (e mail ed allegati in possesso di tutti i Consiglieri. (Allegato 1). Si delibera di contribuire con € 3.000 e si delega il Tesoriere a eseguire l’accredito.

II) Privacy

III) La sig.ra Sandra Ferrini, Segretaria del LO, pone un quesito al CDN riguardo ai nuovi prezzi del tariffario che sono entrati in vigore dal 01-01-2019:
"se chiedo CG di una cucciolata nata alla fine di agosto (ad esempio) quindi entro i 6 mesi dalla data di nascita (per il vecchio tariffario), ma oltre i 4 mesi (per il nuovo tariffario) quanto devono essere pagati? 13,00 € o 15,00 € ?"
Si delibera di comunicare all’UC che, in questi casi che rientrano nel periodo in cui vi sono variazioni nei costi, applichino la tariffa migliore per il socio. Ciò fino all’1.2.2019.

IV) Il Presidente Dario Domancich, in considerazione di quanto previsto dalla Linee Guida del 14 giugno 2018 ritiene necessario al fine di chiarire le modalità procedurali di operare in modo univoco sia per la fase di registrazione che per quella di partecipazione alla expo e porta a conoscenza del CDN di alcuni chiarimenti atti a regolamentare tali modalità.
Per i gatti del circuito WCF, nati all’estero, è sancito che non debbano fare la CCS (prima parte delle linee guida).
Nella parte relativa alla registrazione di fattrici e stalloni, in particolare, ma ovviamente anche cuccioli, nati in Italia prima del 15 giugno si bypassava la CCS mentre dopo il 17 di agosto si sarebbero dovute esplicitare le CCS, ma si dava facoltà ai singoli LG di dare le opportune indicazioni. Tale frase avrebbe permesso di far diminuire le CCS quantomeno per il circuito WCF (standard depositati). Non si vede, infatti, la differenza di standard tra un gatto nato all’estero e quello nato in Italia.
E’ vero che i gatti sono nati in Italia e quindi avrebbero documenti non conformi alla Legge, ma impedirgli di partecipare alla expo in cui avrebbero fatto la CCS crea un danno al Comitato, al Socio e anche all’Associazione. Si delibera all’unanimità che a decorrere dall’expo di Lucca, si operi per eliminare la CCS per tutti i gatti WCF indipendentemente se nati in Italia o all’estero (gli standard sono gli stessi e, quindi, non vi è bisogno di fare la CCS Conferma Conformità allo Standard), mentre rimangono per TICA e CFA ed Associazioni indipendenti (standard non depositati). Tale procedura si espliciterà sempre che il proprietario abbia espletato tutte le modalità amministrative di iscrizione all’ANFI del gatto in oggetto prima dell’esposizione come specificato sul Sito ANFI e l’UC non abbia trovato motivi ostativi legati al Certificato inviato per la registrazione. Si delibera anche, di conseguenza, che il soggetto possa partecipare alla prima Expo possibile rispettando solo la norma che prevede che la procedura di registrazione debba essere stata richiesta e pagata almeno dieci giorni prima della expo. Inoltre se il richiedente non è Socio ANFI (gatto iscritto nella Sezione 2 – WCF) lo si potrà iscrivere in expo nelle categorie superiori al CAC solo dopo che l’utente sia diventato Socio come previsto dalle NT e FIFe. Si incarica il Presidente di informare il Comitato di Lucca. Si provvederà poi ad informare tutti i Comitati e le segreterie.

V) Il Presidente Dario Domancich, a conoscenza delle richieste di alcuni allevatori esteri che hanno chiesto di potersi associare ad ANFI in quanto allevano Thai e nei loro paesi membri non possono iscrivere tale razza a causa di interpretazioni restrittive della norma di registrazione. Propone pertanto una ipotesi di delibera al fine di mettere anche l'UC nelle condizioni di operare in questi casi:
Il Consiglio Direttivo Nazionale prende atto che la possibilità di associare un cittadino residente all'estero come Socio ordinario sia in linea con le normative UE e le normative FIFe alle quali l'ANFI si rifà.
Lo Statuto è quindi anche in questa parte obsoleto e vi è la necessità di adeguarsi a quanto previsto. Si lascia quindi la possibilità di essere considerato Socio aderente ai soli minori o a quei Soci Ordinari che vogliono associarsi anche ad altre Sezioni ANFI indipendentemente dal motivo.
Si delibera pertanto di accettare le richieste degli allevatori stranieri comunicando tale delibera all’UC Tutti dovranno essere considerati Soci Ordinari

VI) Il Presidente Dario Domancich porta a conoscenza del CDN che la allieva giudice Laura Manunta, che in precedenza era iscritta come membro FFS, in data odierna è stata ratificata come socia ANFI che se ne assumerà la responsabilità, come allievo giudice, verso il Board FIFe, opportunamente informato con email il giorno 06 gennaio 2019.
Il CDN prende atto e approva.

VII) La socia Katia Pocci, presidente Sezione Toscana, in merito alla procedura di riconoscimento della razza KMER, chiede ufficialmente al CDN di compiere tutti i passi necessari per ottenere dalla FIFe, dal MIPAAFT, dalla CTC e da chiunque altro possa essere coinvolto nella procedura, l'autorizzazione necessaria a poter utilizzare i soggetti in questione per un programma di allevamento atto al riconoscimento preliminare di detta razza. Il dr. Cristalli proponente il riconoscimento ha già inviato all'UC la richiesta di registrazione come XSH di alcuni dei suoi soggetti. Invia inoltre a tutti i Consiglieri una relazione sul gatto Khmer che potrebbe essere una prima bozza per uno standard ed un programma di allevamento atto al riconoscimento preliminare della razza Khmer.
Si prende atto e si approva e si delibera di comunicare all’UC di iniziare un iter di registrazione dei gatti Kmer del dr. Cristalli. Il CDN farà azioni verso la FIFe atte al riconoscimento, ma non verso CTC e MIPAAF. Si incarica la Consigliera Hana Klein e la Consigliera Sara Moroni di aiutare la socia Katia Pocci appoggiandola nell’iter di riconoscimento e di stilare la documentazione necessaria.

VIII) La Sede ANFI invia l'elenco dei soci ordinari in attesa di ratifica da parte del CDN. (elenco in possesso di tutti i Consiglieri)
Si ratificano i nuovi soci ordinari e aderenti al 1 gennaio 2019

IX) La Segretaria del LG, Sandra Ferrini, invia l'elenco degli affissi già ratificati dalla FIFe e da rilasciare da parte del CDN

 Affisso  Intestatario
AMYTIS  VACCARO Annamaria 
FIOCCO VIOLA  BALESTRIERI Laura - MALACARNE Pierangelo


Si rilasciano gli affissi al 1 gennaio 2019 Si delibera di comunicare all’UC di inviare i Diplomi di Affisso solo dopo il rilascio degli Affissi da parte del CDN.

b) approvazione modifiche Norme Tecniche Esposizioni in base alle Linee Guida MIPAAFT del 14 giugno 2018 per inoltro alla CTC.
Il Presidente propone innanzitutto di approvare un documento che andrà a completare le NT di registrazione nominato Allegato D e già ripreso nelle NT di Registrazione
ALLEGATO D - RAZZE CIRCUITI NON FIFE (PER LE SEZIONI 2, 3 E 4)

Dopo ampio dibattito circostanziato sulla possibilità o meno di continuare a registrare soggetti di Razza Scottish Fold e presa visione delle due modifiche proposte dalla Consigliera Sara Moroni si delibera che a partire dall’1.4.2018 non saranno più registrati gatti di razza Scottish Fold né eventuali cucciolate di soggetti già registrati al LG. Viene quindi approvata la versione 2 della proposta della consigliera Moroni e si dà mandato al Presidente di adeguare il testo a questa versione.
Si vota, 6 favorevoli 0 contrari. 3 astenuti e inoltre si delibera di avvertire la FIFe.

RAZZE NON RICONOSCIUTE FIFE.

DEFINIZIONE
Per “Razze circuiti non FIFe” si intendono l’insieme delle razze i cui standard siano stati depositati presso il MIPAAFT da Associazioni nazionali che abbiano ottenuto la gestione de Libro Genealogico, siano esse affiliate a livello internazionale alla World Cat Federation (WCF) o indipendenti.
Il presente documento recepisce inoltre le linee guida del 14.06.2018 per la registrazione di soggetti provenienti dalle Associazioni non riconosciute da MIPAAFT di carattere sovranazionale (e specificamente, per la loro rilevanza, CFA e TICA).

RAZZE AMMESSE ALLA REGISTRAZIONE
Sono ammesse alla registrazione presso il Libro Genealogico del Gatto di Razza gestito dall’ANFI:
- Tutte le razze provenienti da circuiti non FIFe che abbiamo pieno riconoscimento in FIFe (si veda per il dettaglio l’allegato ‘C’ alle Norme Tecniche);
- Tutte le razze provenienti da circuiti non FIFe in fase di riconoscimento preliminare in FIFe (si veda per il dettaglio l’allegato ‘C’ alle Norme Tecniche);
- Tutte le razze provenienti da circuiti non FIFe per le quali sia stato indicato un codice EMS ‘non’ secondo quando indicato al paragrafo 8.1. dell’Allegato ‘B’ (Lista delle razze non riconosciute con abbreviazione preliminare). Si deroga a quanto sopra previsto per quelle razze riconosciute dal circuito WCF di cui i relativi standard sono stati depositati al MIPAAFT.

RAZZE NON AMMESSE ALLA REGISTRAZIONE
Non sono ammessi alla registrazione:
- Gatti “selvatici” e nuove razze basate su gatti “selvatici” (Norme Tecniche, All. B, Par. 3.6.1)
- Gatti affetti da (pseudo-)acondroplasia e osteocondrodisplasia (Norme Tecniche, All. B. Par. 3.6.1).
In presenza di Libri Genealogici autorizzati che riconoscono, tra le altre, razze non riconosciute dalla FIFe per i motivi sopra riportati (non sono ammessi alla registrazione), decade la necessità di proseguire nella registrazione di queste razze, che ANFI ha fino ad oggi fornito come servizio ai cittadini italiani in assenza di altri soggetti abilitati alla emissione di Certificati Genealogici per questi gatti.
ANFI, per tutela del benessere e della salute dei gatti, a fare data dal 01.02.2019 non accetterà nuove registrazioni di gatti appartenenti a razze con riconosciute patologie genetiche che ne compromettono la qualità di vita. Non verranno dunque registrati: Scottish Fold, Munchkin, Elf, Bambino, Dwelf ed eventuali nuove razze la cui selezione si basi su patologie genetiche note per portare deformazioni.
Per queste razze con particolare riferimento allo Scottish Fold verrà registrata solo la progenie nata entro l’1.4.2019 da soggetti precedentemente registrati. Dopo tale data, tutti i soggetti delle razze sopra menzionate non saranno più considerati riproduttori e si richiederà o il certificato di sterilizzazione o la migrazione ad altro Libro Origini riconosciuto dal MIPAAFT.

CAMPO DI APPLICABILITA’
Quando descritto al precedente § 1.2 si applica a tutte le Sezioni del Libro Genealogico gestito dall’ANFI così come evidenziate nelle richiamate Linee Guida MIPAAFT del 14 giugno 2018 dedicate alla registrazione di soggetti provenienti da circuiti non FIFe, secondo le suddivisioni definite dal Disciplinare e descritte nelle Norme Tecniche.
Nello specifico, si faccia riferimento alla seguente tabella:

Sezione  Circuito  Note 
2 WCF La genealogia sarà registrata in accordo con contenuto del documento in ingresso, ferme restando le verifiche formali da parte dell’UC sulle ascendenze prodotte. I titoli ottenuti dai soggetti nella genealogia e quelli del gatto per cui si chiede la registrazione saranno riportati per come indicato nel documento originale.

Nel caso di emissione di certificati per cuccioli di cucciolate registrate nella Sezione 2, le varietà indicate per ciascun cucciolo (es. colore, mantello, colore degli occhi, etc.) saranno riportate secondo quanto indicato nella richiesta di emissione del Certificato Genealogico. Se possibile tali razze saranno identificate con un codice EMS FIFe ove esistente 
3 ENFI
(indipendenti) 
 Altri
(CFA / TICA)
Ai fini della registrazione sarà necessario seguire quanto indicato dall ‘UC


 
1.4.1 RICHIESTA DI ISCRIZIONE AD UNA SEZIONE DIVERSA RISPETTO A QUELLA DEL DOCUMENTO IN INGRESSO

I soci ANFI e gli utenti del Libro Genealogico che intendano iscrivere alla Sezione 1 (FIFe) soggetti provenienti da altri Circuiti seguono le disposizioni generali e quanto previsto dalle Norme Tecniche e dall’Allegato B relativamente alla registrazione di un soggetto proveniente da altre Associazioni.
Non è possibile, per contro, con riferimento alle sezioni 2, 3, 4 richiedere l’iscrizione in una sezione diversa rispetto a quella definita dal documento in ingresso (es. pedigree WCF -> Sezione 2) in quanto il caso non è previsto dalla normativa in essere.
Si potrà consentire il trasferimento dei soggetti iscritti a una Sezione diversa da quella di prima registrazione.

GESTIONE DEL PERIODO DI EVENTUALE RICONOSCIMENTO FIFE
Nel caso in cui allevatori italiani ANFI e/o esteri di altri club FIFe volessero intraprendere il percorso di riconoscimento di una delle razze riconosciuta in un circuito diverso, sarà possibile la registrazione dei soggetti che si intendono utilizzare per il riconoscimento alla Sezione 1.
In tutti gli altri casi, le iscrizioni seguiranno il normale iter descritto. I soggetti non appartenenti alla Sezione 1 non potranno in alcun modo essere usati a supporto del processo di riconoscimento presso la FIFe della razza in questione.

CERTIFICATO GENEALOGICO
Il Certificato Genealogico emesso per soggetti iscritti alle Sezioni 2, 3 e 4 del Libro Genealogico riporteranno il solo logo ANFI e non quello FIFe anche se la richiesta verrà formulata da Soci di membri FIFe sia italiani che residenti in Italia ma associati presso altri membri FIFe.

DISPOSIZIONI PARTICOLARI.
DIVIETO DI PARTECIPAZIONE A MANIFESTAZIONI UFFICIALI DEL LG E ALLA
PROCEDURA RICONOSCIMENTO
Non è permesso esporre le razze citate al punto 1.3 nel corso di manifestazioni ufficiali del Libro genealogico (art. 2.7.3 Allegato B al Discipinare del Libro Genealogico del Gatto di Razza) come pure è vietato richiederne il riconoscimento internazionale presso la FIFe.

Visti gli argomenti rimasti in essere, alle ore 24,00 il Presidente dichiara chiuso il CDN, gli argomenti rimasti in sospeso si discuteranno in un nuovo CDN giovedì 17 gennaio 2019 alle ore 20,30 in prima convocazione e alle ore 21,00 in seconda convocazione.

  • lucilla
  • Martedì, 26 Febbraio 2019

L'ANFI E' UNO DEI 41 MEMBRI DELLA FIFe

fife

Legalmente riconosciuta con D.M. 6/8/1997
Autorizzata alla Gestione del Libro Genealogico del Gatto di Razza con DM 9.6.2005 prot. 22790 modificato con DM 13.10.2008 prot. 12953

IL LOI INFORMA

LA LETTERA INIZIALE PER I CUCCIOLI NATI NEL 2019 E' LA E

Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account